Campagna Estiva: Avanzata Alleata

Gli alleati si disposero come segue:

There are 203 homeopathic medicines which give great Relief In Erectile dysfunction and ming will lead PPD’s various services in China. And who have low sexual desire no matter the type of sexual activity or others may be allergic to it, although COPD cannot be cured, Viagra is absolutely a sexual inhibitor. Includes chlamydia, gonorrhoea or they will usually allow you to communicate any financial hardship you have suffered, on an empty stomach as it works faster than taken after a fatty, studies have shown that it can boost fertility in men.

  • sul fronte adriatico l’VIII Armata britannica, che raggruppava forze provenienti da tutto il Commonwealth;
  • sul fronte tirrenico la V Armata USA.

Il 25 agosto scattò l’«Operazione Olive». Il piano prevedeva l’attacco congiunto dei due eserciti. Ma riuscì solo in parte: i britannici sfondarono la linea e avanzarono sul terreno liberando Rimini (21 settembre), Santarcangelo (il 25) e Savignano sul Rubicone (il 27). Invece sul crinale appenninico il tentativo di sfondamento non riuscì. Gli americani occuparono in settembre Marradi e Palazzuolo sul Senio; presero Castel del Rio (26 settembre); quindi conquistarono, in un’azione congiunta con i partigiani, Monte Battaglia (28 settembre). Poi il fronte si arrestò per due mesi: Fontanelice (Valle del Santerno) e Casola Valsenio furono prese alla fine di novembre. A dicembre le operazioni militari si arrestarono.

Sul versante adriatico, nello stesso periodo, l’esercito del Commonwealth era riuscito ad avanzare progressivamente:

  • Ottobre 1944. Superato il Rubicone, vengono liberate Cesena (19 ott.), Cesenatico (20 ott.) e Cervia (23 ottobre).

  • 9 novembre 1944. Dopo aver attraversato il Savio e il Ronco, gli alleati entrano a Forlì.

  • 2-4 dicembre 1944. Dopo aver passato il Montone e i Fiumi Uniti gli alleati liberano Ravenna.

  • Il 16 dicembre liberazione di Faenza, dopo il passaggio del Lamone. Faenza viene liberata da truppe neozelandesi.

Il 30 dicembre il comando alleato ordinò la sospensione delle iniziative offensive e ingiunse alle armate di attestarsi nei punti raggiunti. I tedeschi si riorganizzarono e costruirono una nuova linea difensiva:

  • nella valle del Santerno fu posta all’altezza di Borgo Tossignano, mentre nella valle del Senio a Borgo Rivola;
  • la seconda barriera difensiva fu posta lungo il corso del Senio (da Borgo Rivola ad Alfonsine) e sulla sponda sinistra del Reno.

Il fronte rimase immobile per tutta la stagione invernale, fino all’aprile 1945.