Gli schieramenti Alleati sul fronte della Linea Gotica

Nell’ultima decade di agosto 1944, dopo che le esigenze dello sbarco nella Francia meridionale (Operazione Anvil-Dragoon, 15 agosto)schieramenti_alleati_gotica_romagnahanno allontanato dall’Italia l’intero Corpo di spedizione francese (quattro divisioni coloniali addestrate alla guerra in montagna) e tre divisioni americane, il 15° Gruppo d’Armate del generale Alexander è di fronte ai tedeschi attestati sulla Linea dell’Arno, a ridosso della Linea Gotica. Dispone di diciannove divisioni organiche, di cui cinque corazzate, in attesa degli annunciati rincalzi, a cui si aggiungono diverse unità minori la cui forza complessiva è stimabile attorno alle tre divisioni. In vista dell’imminente attacco alla Gotica, viene effettuato un necessario riordinamento delle truppe alleate. Alla Quinta Armata del generale Clark, rimasta pesantemente sguarnita, viene assegnato il XIII Corpo britannico,

comandato dal generale Kirkman e composto dalla 6a divisione corazzata inglese, dalla 1a inglese e dall’8a indiana di fanteria, alle quali si aggiungerà, a ottobre, anche la 78a divisione inglese. Dell’armata di Clark, sulla sinistra dello schieramento, fanno parte anche il II ed il IV Corpo: il primo, al comando del generale Keyes, comprende tre divisioni di fanteria americane, la 34a, l’88a e la 91a; il secondo, guidato dal generale Crittenberger, vede la 1a divisione corazzata americana, l’85a fanteria e la Task Force 45, unità raccogliticcia grande quanto una divisione. A queste unità si aggiungeranno, a settembre, la 6a corazzata sudafricana ed il contingente brasiliano della FEB, a ottobre la 92a divisione Buffalo americana e a gennaio la nuova 10a divisione da Montagna statunitense, che rileverà la Task Force 45. La Quinta Armata è schierata dal mar Tirreno fin oltre Firenze, col grosso delle truppe nell’area del capoluogo toscano. Il settore orientale è tenuto dall’Ottava Armata britannica di sir Oliver Leese, che comprende il X Corpo, al comando del generale Mc Creery, con la 10a divisione indiana posizionata nella zona di Arezzo; il V Corpo del tenente-generale Keightley che vede cinque divisioni: la 1a corazzata britannica, la 4a indiana, la 4a, la 46a e la 56a britanniche, e tiene il fronte sul versante orientale dell’Appennino. Nello stesso settore, come riserva d’armata, nellaschieramenti_alleati_gotica_romagna-2zona di Jesi è la 2a divisione neozelandese, che presto sarà raggiunta da una brigata alpina greca. Infine, vi sono il I Corpo canadese ed il II polacco, concentrati nell’area pianeggiante tra l’Appennino e il mar Adriatico. Il primo, al comando del maggiore-generale Burns, comprende la 1a divisione di fanteria e la 5a corazzata; il secondo, al comando del generale Anders, comprende la 3a divisione Carpatica e la 5a Kresowa. Per quanto riguarda l’aviazione, gli alleati hanno la totale supremazia nei cieli, assicurata da 2.900 aerei. ( fonte lineagotica.eu )